“Colpire un arbitro con una roccia o un sasso potrebbe essere giustificato”. Le parole erano state pronunciate dal premier samoano Tuilaepa Sa’ilele Malielegaoi, che ricopre anche la carica di presidente della federazione rugbistica di quel paese. Ora l’IRB ha aperto … Leggi l’articolo completo