1980: AZZURRI NEGLI USA E NEL SUD PACIFICO

1980: AZZURRI NEGLI USA E NEL SUD PACIFICO

L’arrivo di Pierre Villepreux nel 1978 alla guida della nazionale italiana fece compiere alla nostra rappresentativa un notevole passo in avanti, soprattutto in termini di mentalità e di gioco.

I risultati furono, come spesso è accaduto al nostro rugby, discontinui. Dalla vittoria di Rovigo per 19-6 contro la forte Argentina di Hugo Porta alla pesante sconfitta di Bucarest per 44-0 contro la migliore Romania di sempre, passando per le sconfitte onorevoli del 1979 contro la Francia (9-15 a Padova) e gli All Blacks (12-18 a Rovigo).

Il tour di giugno e luglio del 1980, il più lungo e impegnativo organizzato dal 1973, fu accompagnato da grandi aspettative, solo in parte ripagate.

Il capitano della spedizione era il pilone Ambrogio Bona.

Prima tappa a Long Beach, negli Stati Uniti, avversari i Californian Grizzlies. Proprio a Long Beach un mese prima gli Stati Uniti avevano impegnato duramente il Galles B uscendo sconfitti per 24-18 da una meta segnata all’ultimo minuto. I Grizzlies batterono l’Italia 18-9.

CONTINUA A LEGGERE SU: http://www.nprugby.it